Pubblicato da: cmpress | aprile 8, 2010

Première Shooting: Intervista NO FUR

Mia intervista su Première Shooting. Questo il link http://www.premiereshooting.com/article.php?aID=151
intervistanofurCamilla Mencarelli, giornalista, Direttore Editoriale di Health Magazine, conduttrice televisiva di programmi tv ed attivista a favore della politica No Fur. Quando è il nato l’interesse per la salvaguardia degli animali ed il desiderio di vedere l’espulsione della pelliccia dal mercato internazionale?

“Fin da piccola. Vedevo le donne con le pellicce e non facevo come tutti i bambini che andavano lì a toccare il pelo morbido. Anzi. Forse sarò fin troppo brutale nella definizione ma ho sempre visto le pellicce come ‘cadaveri’ addosso alla gente. Sono sempre stata contraria al massacro di animali in nome della moda, perchè di vero e proprio massacro si tratta. Una volta, quand’era piccola, mi colpì molto un programma di Adriano Celentano sull’argomento e da allora cominciai anche a fare, nel mio piccolo, propaganda contro le pellicce pensando che qualcuno avrei potuto sensibilizzare. Uno dei gruppi di Facebook sull’argomento ‘Contro le pellicce’, l’ho fondato io: ci sono informazioni, immagini, anche alcuni video su cosa viene fatto agli animali.”

L’informazione è davvero un’arma cosi potente contro questo colosso commerciale in crescita?

“In realtà non credo che l’informazione standard sull’argomento sia così potente. Vedo efficaci azioni come quelle di animalisti che manifestano in Piazza della Repubblica a Roma, in altre piazze o città, oppure singole iniziative come quella del consigliere comunale pistoiese, Lorenzo Lombardi che ha manifestato in mutande in città.
Adesso poi, con l’avvento di internet e attraverso siti, blog, social network, è più facile arrivare ad informare la gente attraverso canali alternativi dove non ci sono accordi pubblicitari di sorta. L’impressione comunque è che l’informazione che si diffonde non riesca mai ad arrivare a tutti e che non ci sia tutto questo interesse per la sensibilizzazione delle persone. Si dovrebbero diffondere messaggi e immagini più forti.”

Trend sempre più presente la pelliccia nelle passerelle in questi autunni/inverni. Perchè c’è un ritorno, secondo lei, a questo prodotto storico in massa?

“Solo qualche anno fa c’erano modelle che posavano nude per manifestare contro l’utilizzo delle pellicce animali nel mondo della moda. Signore che addirittura le bruciavano in piazza. Stilisti che proponevano rigorosamente solo eco-pellicce. Indossare una pelliccia era out. Sembrava l’inizio di una nuova era, invece le mode passano e ritornano ed eccoci qua purtroppo a rivederle ancora protagoniste. Personalmente mi dispiace, lo vedo come l’aver fatto un passo avanti per poi rifarne due indietro. Adesso sembrano lontani anni luce i tempi in cui Naomi Campbell, nel 1995, posava nuda per il manifesto “Meglio nude che in pelliccia”. Poi ci sono esempi come quello di Marina Ripa di Meana, celebre per le sue performance anti-pellicce, che è sempre rimasta coerente: in una intervista ha dichiarato di voler riprendere la sua battaglia nel caso le pellicce tornassero davvero in auge “Alla pelliccia sono rimaste legate le persone non eleganti. Se chi ha classe continuerà la battaglia non portandola”. Concordo al 100% con il suo pensiero.”

Mai comprato una pelliccia?

“Ovviamente no. Neppure sintetica perchè a quanto mi è sembrato di capire anch’essa verrebbe realizzata con materiali a base di petrolio quindi non rispetterebbe l’ambiente. Il materiale sintetico è composto da nylon, acrilico, poliestere, tutti derivati del petrolio. Secondo il libro di Kate Fletcher “Sustainable fashion and textiles”, per ottenere un chilo di pelliccia sintetica servono rispettivamente 150, 157 e 109 megajoule di energia a seconda del materiale usato.”

Come guarda le aziende di moda che stanno sviluppando il sintetico per integrarlo nelle loro collezioni al posto di pellicce vere?

“Se proprio non si può fare a meno della pelliccia, che almeno si ricorra a quelle sintetiche. Giorgio Armani, se non sbaglio, si è sempre dichiarato contrario e adesso ha cominciato a creare proprio modelli sintetici.
Già da tempo stilisti come Stella McCartney, Todd Oldham, Calvin Klein, Betsey Johnson, Mark Bouwer, si rifiutano di produrre modelli con pellicce.”

Cosa direbbe ad uno stilista indeciso se abbracciare questa tendenza in espansione?

“Di guardare filmati, di informarsi, di andare di persona a verificare cosa viene fatto a quei poveri animali, a come vengono uccisi, a chiedersi perchè queste cattiverie, a fare sondaggi tra la gente, a capire che anche un capo sintetico può essere di alta moda e che a volte, certe scelte, vengono apprezzate dalla gente.”

mencarelli_nofurQuali sono i canali studiati per sensibilizzare le persone a questo tema?

“Come dicevo social network, manifestazioni e informazione alternativa non legata ad interessi economici e ad accordi pubblicitari di sorta.”

Se le dicessi che sono a favore di pellicce ricavate da allevamenti legali che riforniscono specificatemente il mercato cosa mi risponderebbe?

(Fa cenno di alzarsi per andarsene, poi sorride n.d.r.) “Che sicuramente ha tempo da perdere con me perchè ricomincerei a ripetere all’infinito i concetti espressi prima e soprattutto ricordarle che, legale o no, si tratta di esseri viventi: visoni, volpi ermellini, cincillà, lupi, giaguari, volpi, leopardi.. perchè massacrarli? Non si tratta di legalità, qui entra in ballo la coscenza individuale e la domanda è: ne vale la pena?”.

Tre aggettivi con i quali identifica un cliente di questo prodotto lux.

“Difficile trovare tre aggettivi. O forse sarebbe troppo facile. Diciamo che partendo dal presupposto della buona fede di un cliente, che acquista un prodotto del genere, direi che forse è solo ‘malinformato’. In altri casi forse potrei parlare di ‘insensibilità’. Mi fermo a due.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: